Compagnia
Lombardi Tiezzi

REPERTORIO Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

REPERTORIO

TIEZZI

Federico Tiezzi

LOMBARDI

Sandro Lombardi

LA COMPAGNIA

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

CALENDARIO

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

.::RASSEGNA STAMPA::. Non si sa come

Non si sa come -

Estratti dalla rassegna stampa

“[…]Federico Tiezzi al suo secondo Pirandello dopo I giganti della montagna, crea uno spettacolo affascinante, ricco di suggestioni, sul doppio binario di un surrealismo onirico e di un diffuso bisogno di realtà, inventando un prologo che mostra i personaggi con teste di coccodrillo mentre suona La morte e la fanciulla di Schubert. Poi eccoli, nei bellissimi costumi di Giovanna Buzzi, muoversi nelle scene eleganti di Pier Paolo Bisleri fra “boiseries”e lampadari a goccia in cristallo di Boemia che scendono dal soffitto, in una perfetta armonia di gesti e in un concertato di voci che ne sottolinea le personalità nella dilagante ipocrisia che li circonda.
Romeo Daddi, nell’interpretazione maiuscola di Sandro Lombardi non è né nevrotico, né folle ma piuttosto un raisonneur dolorosamente presente a se stesso, bravissimo nel celebre monologo della lucertola. L’affascinante Ginevra, ironica e provocante di Elena Ghiaurov con le sue risate spezzate, la sua ferocia, il senso fatale del suo essere donna (e la sua bravura) si imprime nella memoria dello spettatore. Francesco Colella che è Giorgio Vanzi ha la presenza, il gesto elegante, l’umanità strafottente di molti personaggi maschili pirandelliani mentre Pia Lanciotti con il suo non capire, con il suo chiedersi un perché, trova delle rispondenze rivelatrici nella sua Bice e Marco Brinzi è un’efficace corteggiatore. Tutti consegnati, dalle luci gessose di Gianni Pollini, alla fissità dell’ipocrisia, senza speranza.”
Maria Grazia Gregori, L’Unità, venerdì 31 gennaio 2014

E’uno spettacolo di raffinata eleganza questo funereo Non si sa come che Federico Tiezzi ha messo in scena per un quartetto di attori capeggiati, con la maestria che gli si riconosce, da Sandro Lombardi.
Gianni Manzella, il Manifesto, sabato 8 febbraio 2014

“[…] Federico Tiezzi e Sandro Lombardi ne hanno intuito il valore di partitura suonabile, di soggetto per un graphic theatre dell’immaginario. Con strumenti altri. Mettendo a segno un lavoro serio, strano.
Le modalità? Prendere un teatro di Pirandello e ricavarci un’accennata suite musicale d’un quartetto d’archi che prova La morte e la fanciulla di Schubert, costruirci un patinato calendario di test psicanalitici di gruppo, plasmarci visioni di animaleschi transfert a base di maschere di alligatori. E ancora, immetterci, in Pirandello, il senso d’una deformazione rinviante a Salvador Dalì, riproducendone i sottili baffi sul volto di Sandro Lombardi che qui incarna la coscienza sporca di sepolcri imbiancati dalla borghesia (il fascismo?chissà). Sono efficaci le letture sottotestuali e le proiezioni estreme che la regia di Tiezzi crea nel suo secondo appuntamento con l’autore agrigentino, adottando questo testo non aureolato né popolare. […] Figure che calzano teste di coccodrilli per suggerire spietatezze zoomorfiche alla maniera di una Semine de bonté di Max Ernst. […] Sandro Lombardi incarna assai bene l’uomo difficile, il Romeo dandy anche examico intenso del “rivale”…”
Rodolfo Di Giammarco, la Repubblica, sabato 9 febbraio 2014

“[…] I personaggi si tormentano avviluppati in trame di tradimenti che sono sogni e sogni che sono tradimenti, la regia scava in quello spazio dell’inconscio in cui le azioni consapevoli sono intrecciate a qualcosa fuori controllo, fino a raggiungere punte da vaudeville “surreale”, è questa l’intuizione registica più interessante, con quei Daddi dai baffi alla Dalì, interpretato con malinconica consapevolezza e ragionare puntuto dal bravo Sandro Lombardi, e bravi sono tutti gli interpreti da Elena Ghiaurov, affascinante, ironica e feroce Ginevra, a Pia Lanciotti, smarrita Bice, a Francesco Colella e Marco Brinzi.
Magda Poli, il Corriere della sera, giovedì 13 febbraio 2014


CONTATTI

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.
Via Domenico Maria Manni, 55
50135 Firenze (FI)
Tel. 055-60.02.18 Fax 055-60.94.50
Cod. Fisc. e P.IVA 03320350485
info@lombarditiezzi.it
On Web snc