Compagnia
Lombardi Tiezzi

REPERTORIO Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

REPERTORIO

TIEZZI

Federico Tiezzi

LOMBARDI

Sandro Lombardi

LA COMPAGNIA

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

CALENDARIO

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.

.::RASSEGNA STAMPA::. LA SIGNORINA ELSE

Signorina Else all’obitorio - Renato Palazzi

Domenica Sole 24 ore, 2 luglio 2017

La natura dell’edificio consente al regista un utilizzo a doppio livello: gli dà modo di mostrare Else morta fin dall’inizio, stesa sulla superficie marmorea e a rievocare la sua vicenda a ritroso, e rimanda simbolicamente alla dissezione di un’anima, lacerata anche dalle pressioni famigliari che più o meno apertamente la spingono a darsi per interesse. Lucrezia Guidone è bravissima nel passare dai toni mondani ad una rabbia sorda, cattiva, quale solo chi ha ormai chiuso i propri conti con la vita può forse provare. Martino D’Amico incarna con toni melliflui - e indossando a tratti un’allusiva maschera da coccodrillo - l’aspirante voyeur a pagamento. Quanto a Tiezzi, è il suo momento d’oro, non c’è altro da dire.


Soldi e onore - Rodolfo Di Gianmarco

la Repubblica, 18 giugno 2017

Nel lavoro di Lombardi - Tiezzi che apre il 'Pistoia Teatro Festival', interviene il volto arrovellato e oscillatorio di Lucrezia Guidone, impavida nel suo delirio di coscienza quando il ricco interlocutore, un ben razionale e solitario Martino D’Amico, le accenna che acconsente ad una condizione, vederla nuda per un quarto d’ora. Tiezzi ricorre con acutezza a simbolismi zoomorfici, a miniature, a tappeti di garofani, alla sonorità di uno spazio con violoncello, pianoforte, percussioni e clarinetto (…)


La signorina Else - Niccolò Lucarelli

Sipario, 20 giugno 2017

Da uno dei testi più belli di Schnitzler, Tiezzi trae uno spettacolo dal carattere intimo, anche per la vicinanza degli attori con il pubblico, dato lo spazio particolarmente ristretto, sospeso fra il conscio e l’inconscio, sogno e realtà, la vita e la morte, mentre la piccola orchestra dal vivo, che suona arie di Beethoven e Chopin, ricostruisce l’atmosfera fin de siècle delle stazioni climatiche alla moda. Il lungo lavoro di adattamento drammaturgico del testo - che si concentra sulla dimensione interiore limitando al minimo l’azione scenica-, fa emergere l’anima teatrale dell’antica sala anatomica, e alla chiusura dell’ideale sipario scrosciano meritati applausi per uno spettacolo che non manca di essere attuale nel suo ritrarre famiglie spezzate, dialoghi impossibile fra genitori e figli, e la mercificazione del corpo come mezzo di sopravvivenza. Per le sue vittime innocenti, soltanto il sincero dolore di pochi umanisti.


La signorina Else di Federico Tiezzi. Il corpo, il sogno - Alessandro Iachino

www.teatroecritica.net, 1 luglio 2017

E il risultato di questo lavoro attorale di microscopica perizia, che impone agli interpreti di recitare a pochi centimetri di distanza dal pubblico e di offrire così quasi un close-up cinematografico dei propri volti tesi, è di straordinario livello. Se D’Amico conferisce a Dorsday un’eleganza viscida e melliflua, nella quale l’emergere di un’incontrollabile passione per l’adolescente è affidata alla variazione del timbro vocale, è soprattutto Lucrezia Guidone a costruire una performance di magnetica potenza: commovente nella fissità dello sguardo che rivolge agli astanti, luciferina negli improvvisi scatti d’ira, sognante nei momenti di lirica introspezione, l’attrice tratteggia un delicato ritratto di giovane signora, schiacciata dalle convenzioni, forse anche dai propri inconfessabili impulsi.


Pagina precedente

CONTATTI

Compagnia Lombardi – Tiezzi s.c.a r.l.
Via Domenico Maria Manni, 55
50135 Firenze (FI)
Tel. 055-60.02.18 Fax 055-60.94.50
Cod. Fisc. e P.IVA 03320350485
info@lombarditiezzi.it
On Web snc